Discorso di Barbazècch 2013


A grande richiesta (?), ecco finalmente il discorso pronunciato da Barbazècch quest’anno nelle due domeniche di Carnevale. Avrei dovuto pubblicarlo lunedì scorso, ma lunedì mattina a un certo punto s’è dimesso il papa.

Bazzanesi tutti quanti,
che mi state qui davanti,
bella gente radunata
per i carri e la sfilata
alle note della banda
in dla piaza bela e granda                   nella piazza bella e grande
con le maschere e i costumi,
mentre musiche e profumi
di lambrusco e crescentine
riempion vie, slarghi e stradine:
di fronte ai politicanti
siamo solo dilettanti!
La campagna elettorale,
questa sì che è un carnevale!
Slogan, tweet, spot e talk show:
què dabaun an s’in pol pió!                qui davvero non se ne può più!
Ci squadernano davanti
a mo’ di stelle filanti
cartelloni cubitali,
annunci sensazionali
di programmi straordinari
e promesse senza pari…
E alla fine, riguardandoli,
resteran solo coriandoli!
Che finito il bulidrone,
proclamata l’elezione,
per la gente, la medesima,
ricomincia la Quaresima!

Mo ragaz: gim bain cus l’è                  Ma ragazzi: ditemi cos’è
quasta fata nuvitè:                                 questa strana novità
è spuntata in Valsamoggia
come un fungo nella pioggia,
come un pero in mezzo ai pruni,
la fusione dei Comuni!
C’è chi è preso da emozione,
chi da grande indignazione:
tra entusiasti e sconcertati,
tra dubbiosi ed arrabbiati,
speranzosi oppur delusi
siamo tutti già un po’ fusi!
Me an so dir s’l’è bel o brott,             Io non so dire se è bello o brutto,
a vrevv saul ch’i fossen tott               vorrei solo che fossero tutti 
pin ed bauna vuluntè                            pieni di buona volontà
par al bain ed la zitè.                             per il bene della città.
Vi saluta Barbazècch                             Vi saluta Barbazècch

ch l’ira puvràtt e as fé récch,             che era povero e si fece ricco,
e ch’al taurna da luntan                      e che torna da lontano
p’r arvàdder la so Bazàn!                    per rivedere la sua Bazzano!
Av saluta anch la mi spausa              Vi saluta anche la mia sposa
Che l’è saimpar pió preziausa,          che è sempre più preziosa,
la più bella del paese:
io per lei non bado a spese!
Or vi mando tutto intero
il mio augurio più sincero:
in quest’anno ancora ignoto
sia bandito il terremoto,
ed ognuno al proprio tetto
stia sicuro dentro il letto.
A campagne e casolari
un raccolto senza pari!
Allegria e felicità
al paese e alla città,
ed auguri d’ogni sorta!
Ma in sostanza, a farla corta,
ch’a psì ster luntan dal mel                 che possiate stare lontani dal male
fein a st’etar Caranvèl!                          fino al prossimo Carnevale!
                                                                                                        Barbazècch dla Ca’ di Zoca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: