Per contrastare il populismo, un PD più credibile e più aperto


Questo è il testo del mio intervento alla Direzione Provinciale del PD di lunedì 16 aprile.

Caro presidente, caro segretario, cari colleghi,
…dobbiamo essere un po’ meno cari!

L’attuale congiuntura, nella quale il PD sostiene, doverosamente, un governo impegnato in un difficile e necessario sforzo di risanamento, ma che non pare ancora avere imbroccato compiutamente la direzione della crescita, in particolare nel ridare potere d’acquisto alle famiglie delle classi medie e medio-basse (che ritengo condizione imprescindibile per superare la crisi), costituisce inevitabilmente il brodo di coltura per un populismo che si esprime in varie forme ma nel quale è facile riconoscere alcuni tratti comuni.
Nel momento in cui la Lega Nord riceve un colpo molto pesante, i partiti tradizionali risultano spaventati dal movimento di Grillo. Ma occorrerà ricordare che c’è in giro ben peggio di Grillo: parlo, ad esempio, delle forze organizzate basate su un populismo di estrema destra (analoghe a quelle che in svariati paesi d’Europa hanno un forte successo elettorale), ma anche semplicemente – a livello individuale – di quella diffusa apatia, di quel disinteresse che si fa disfattismo, e anche di un antagonismo antisistema, magmatico e potenzialmente pericoloso.

Tantopiù, ritengo, occorre che il PD presti un’attenzione particolare a quelle forze politiche che – è vero – non di rado appaiono indurre a toni e argomenti populisti; ma che tuttavia sono impegnate, nei fatti, a contenere quel tipo di spinte e convertirle in forza propulsiva di governo, come nei fatti avviene in centinaia di amministrazioni locali che governiamo insieme – a cominciare dalla nostra Regione, dalla Provincia e dal Comune di Bologna.

Un ragionamento in parte analogo può essere svolto anche in riferimento alle liste civiche particolarmente diffuse in alcuni territori della provincia. Non è difficile vedere in esse, spesso, toni accesi, attitudine polemica e anche atteggiamenti pregiudiziali contro il PD quando non, in generale, contro i partiti e la politica stessa. Tuttavia, in molti casi, possiamo altresì riconoscere al loro interno lo sforzo di produrre idee e proposte, un forte impegno rivolto alla partecipazione e al coinvolgimento dei cittadini e, a volte, anche l’assunzione (benché non semplice e contrastata) di posizioni più costruttive e responsabili.
Credo che il PD e le locali maggioranze di governo debbano assumersi il compito – non semplice – del dialogo con queste forze politiche, il tentativo di assumerle entro una logica di governo, di responsabilità, di confronto, che possa non fare a meno dei loro stimoli, non di rado di notevole interesse.

Per raggiungere questo obiettivo, va detto, occorre anzitutto a rinunciare, anche a livello locale, a comportamenti da “partito egemone”, che oggi non possono che derivare da una lettura anacronistica della realtà: per cercare piuttosto di costruire, nel segno dell’apertura, un più ampio “spirito civico”: come quello che Raffaele Donini, fin dall’ultima campagna elettorale per il Comune di Bologna, ha saputo evocare, e Virginio Merola ha messo in pratica.

Ma occorre anche essere assolutamente irreprensibili quanto a credibilità. Non è un momento facile. Sulla questione del finanziamento pubblico ai partiti dobbiamo essere consapevoli che provvedimenti che possono apparire molto, molto pesanti per le casse del partito (tantopiù in una situazione di bilancio non facile anche per la Federazione di Bologna) risultano appena sufficienti per l’opinione pubblica. E’ una lama di rasoio. Siamo sicuramente consapevoli che per fare i voti occorrono anche i soldi: è quello che avviene in tutte le democrazie occidentali, e in tutte le grandi forze democratiche, Obama in testa. Tuttavia, tra le voci del bilancio 2011 del PD di Bologna, quella che penso debba destare maggiore preoccupazione è quella del tesseramento, che ci parla di un 10% di iscritti in meno. Il rischio peggiore è che – di anno in anno, di 10% in 10% – finiamo per considerare dati simili come fisiologici o inevitabili. E’ invece un andamento che non possiamo in alcun modo accettare.

 Grazie.

(Ho ricostruito il testo sulla base dei miei appunti preparatori: può quindi non corrispondere esattamente a quello effettivamente pronunciato.)

3 risposte a Per contrastare il populismo, un PD più credibile e più aperto

  1. Xandré scrive:

    Non ci resta che … piangere. Perché anche il partito che millantava e proponeva cambiamento non cambia. Eppure i tempi cambiano. Noi cambiamo perché veniamo condizionati dall’esterno. Ma se si rimane fedeli ai propri principi e stili di vita possiamo noi stessi cambiare gli altri.
    Anche la democrazia sta cambiando … Ecco … succedono cose nuove … non ve ne accorgete ? Dov’è finita la “fabbrica delle idee”? Sono rimaste solo teorie? Come metterle in pratica?

    Xandré

  2. lucagrasselli scrive:

    Ringrazio tutti coloro che mi hanno inviato apprezzamenti e commenti, anche privatamente.

    Colgo l’occasione per proporre questo articolo di Claudio Cerasa (da Il Foglio di oggi): non condivido il pessimismo sconfortato di Parisi sul ruolo del PD, né tantomeno mi sembra corretto pensare che il problema principale debba essere la ricerca di un leader alternativo. Ma in alcune considerazioni, anche se amare, colgo sintonie non casuali con quello che ho scritto qui sopra, e penso che certe riflessioni debbano assolutamente servirci come stimolo e come interrogativo.

    http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna&currentArticle=1E1JUH

  3. Leda Diano scrive:

    Caro Luca, apprezzo l’onestà e l’intelligenza politica del tuo articolo. Credo però che il PD sia ben lontano da questa tua visione che vede nell’apertura a forze di sinistra propositive e attive sul territorio, l’unica strada possibile per scongiurare un declino senza ritorno del partito di cui fai parte. In quanto al tema della partecipazione spiace constatare come ci sia ancora tanta strada da fare, anzi la strada sia ancora da costruire. Si è tenuto ieri sera 24 aprire in Rocca a Bazzano un interessante di battito sul tema della partecipazione e dell’applicazione della Legge Regionale che cerca di regolamentare un processo che dovrebbe essere naturale in una democrazia ma che così non è in Italia, tanto che si è dovuto ricorrere allo strumento legislativo per riaffremare questo semplice principio: senza partecipazione diretta non c’è democrazia. Ebbene a questo convegno organizzato da SEL e che vedeva illustri ospiti come il Prof Rodolfo Lewanski Docente all’Università di Bologna e Garante della legge sulla partecipazione della Toscana nonchè Luigi Benedetti garante della medesima legge per la Regione Emilia-Romanga, non vi fosse alcun rappresentate nè politico nè istituzionale del PD di Bazzano. Ritengo questo boicottaggio una mancanza inaccettabile data l’importanza del tema e visto che SEL propone da tempo questo percorso nella nostra Valle sul tema della Fusione dei Comuni. Non ci è piaciuta questa assenza, questa ostinata mancanza e volontà di confronto, questa arroganza che rivela mancanza di lungimiranza e cecità politica. Da soli non possono farcela, senza il sostegno consapevole dei cittadini, senza un percorso partecipato, senza condivisione questo “sogno stellare” rischia di fallire e di tradursi in un dooberang politico per il PD. Il Convegno è stato molto interessante e partecipato, finalmente un dibattito davvero plurale e non ingessato dal monopolio politico PD come sono stati finora gli incontri sul tema. Un’ occasione sprecata per il PD, un momento di arricchimento, di chiarimento e di confronto per noi.
    Un ringraziamento al Sindaco di Monteveglio Daniele Ruscigno e all’Assessore Fabrizio Bassetto unico rappresentante (non PD) del Comune di Bazzano che sono intervenuti nel dibattito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: