Reprint


 

VESPRI DI SAN MARTINO

 

Il giorno abbassa gli occhi, ha ciglia umide.
Tra le cose condensa un fiato stanco,
si rapprende alle luci della piazza
una bava di ragno: sale ai viottoli,
percola ai tralci vizzi del Lavacchio.

 Non ti sorprende questo scolorare,
questo perdersi di contorni,
se solo stringi il bavero al tabarro
né muti il passo, secco sull’asfalto.
Tanto conosci un tale peso d’aria.
E t’addentri nella prima vigilia
della notte, e alle punte delle dita
non hai saliva a levarti dagli occhi
questa cispa tediosa, non hai lino
che ti netti le lenti.

Solo al tuo muoverti assorto si leva
un suono d’altri piedi dietro l’eco
dei tuoi, ti si fa accosto un’ombra scura,
come nuda e tremante. Riconosciti.

Così sanguina il tino novellamente.
Così, a maggiori altezze,
ai cedui d’Appennino
                                           a seppellirsi
tra marciumi di foglie, a inturgidirsi
chiuso di spine
piove il pane dei poveri:
così a riposti mortai
un pestello rintocca
e da dita di donna si prepara
verso il primo albeggiare la mistocca.

Annunci

12 Responses to Reprint

  1. Xandré ha detto:

    di solito le poesie vengono come un dipinto: un’artista sa cosa ha in mente di dipingere …

    è successo così anche per questa poesia ? o è frutto di stichi nati giorno dopo giorno ? come la nebbia che deve ancora divenire ? pian piano si fa sentire … o arriva pesante come muro per le strade ?

  2. Dexter ha detto:

    Bella. Molto. Qua e là noto accenti – già te lo scrissi in altre occasioni – pascoliani, ma con un ben diverso simbolismo che sfocia – secondo me -nella visione ottimistica finale.
    Io vi scorgo lo scorrer della vita come l’evolversi del giorno. A cominciare dalla fine: l’approssimarsi della vicenda umana alla morte (il giorno abbassa gli occhi), tra i dubbi (la nebbia), il dolore (ciglia umide), la noia (cispa tediosa), il peso e la leggerezza (peso d’aria) dell’esistere e la paura della propria solitudine (l’ombra nuda) e la consapevolezza (ma anche il desiderio) di riconoscersi in questa, per quanto sia precaria ed effimera la nostra vita.
    Ma ecco la visione di speranza finale che dirada le nebbie: oltre la notte, oltre il silenzio, c’è l’Alba di una Nuova Speranza, il Nuovo Giorno, il rintocco familiare (come di una campana) di quel pestello, il messaggio di una Salvezza che ci viene offerta dal sangue (come il vino novelo del tino) e dal corpo (il pane dei poveri) del Salvatore. E la mistocca – femminile, come le mani della donna che la prepara – che ci conforta.

  3. lucagrasselli ha detto:

    Dexter? Bentornato!
    Ma scherzi o dici sul serio? No, perché il commento è piuttosto azzeccato, almeno su alcuni punti importanti… (“Riconosciti” ha un’altra valenza, e si riferisce al noto episodio agiografico). In ogni caso, che scherzassi o meno, bravo veramente, e grazie.

  4. Dexter ha detto:

    Non scherzavo. E’ perché poi?
    Il fatto che io non condivida le tue idee politiche non significa che non mi piacciano anche le tue poesie. Quando sono belle. E questa lo è.

  5. lucagrasselli ha detto:

    Grazie, davvero. Troppo buono. Ma non prendere il vizio, mi raccomando!

  6. Xandré ha detto:

    Chioso Dexter, anch’io la ritengo bella e non semplicemente bella (dice tutto e dice niente: bella).

    Mi ero soffermato nel chiederti la genesi di questa composizione … ma sei libero anche di non rispondere …
    X.

  7. torietoreri ha detto:

    Ti invito a leggere il mio ultimo post, e a commentarlo. Ci tengo, ciao!
    http://www.torietoreri.splinder.com

  8. Elio ha detto:

    Complimenti Luca

  9. joe tacopina ha detto:

    Mi piace.

  10. lucagrasselli ha detto:

    Troppa grazia, troppa grazia!

  11. lycopodium ha detto:

    Accipigna, tu sei un vero Poeta.

  12. lucagrasselli ha detto:

    Vedo solo ora il commento… Bentornato su questo blog, ma sei troppo generoso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: