Non uno di meno

28 maggio 2009

 

I parlamentari sono troppi?
No, sono troppo pagati.

Ma perché tutte le proposte di legge s’incentrano sempre sul diminuire i parlamentari, e mai i loro stipendi?

Se nel vostro ufficio postale ci fossero 4 dipendenti pagati 3000 euro al mese, e occorresse ridurre le spese, il servizio sarebbe migliore con 2 dipendenti pagati 3000 euro o con 4 pagati 1500?

Con l’attuale legge (pessima per tanti aspetti) L’Emilia-Romagna elegge 43 deputati: sono molti? Significa una media di 5 per provincia. Che è appena sufficiente a far sì che, per esempio, in una provincia media come quella di Modena potrebbero essere eletti 3 deputati di maggioranza e 2 di opposizione. O (sempre per esempio) 2 deputati della città, 2 della pianura e 1 della montagna.
Se ci pensate bene non è molto. Un solo deputato dovrebbe rappresentare (diciamo) gli interessi di tutto l’Appennino modenese. La città di Modena esprimerebbe (indicativamente) un deputato di centro-destra e uno di centro-sinistra. E così via.
Poi, è vero, ci sono anche i senatori. Ma questo (il “bicameralismo perfetto”) è un altro tipo di questione.

Piuttosto, soffermiamoci sul fatto che ciascuno di quei deputati è pagato 13679 euro (indennità + diaria + rimborso spese forfettario), con in più i rimborsi per le spese di viaggio (nonostante abbia già gratis autostrada, ferrovia, aereo e traghetto), telefoniche ecc, e con costi veramente “calmierati” per molti servizi offerti dal Parlamento, dal ristorante al barbiere, ecc. (fonte: www.camera.it).

Con questi dati, voi su quale voce interverreste prioritariamente? Sul numero dei deputati o sul loro stipendio?

Io vorrei un numero adeguato di parlamentari, con uno stipendio normale che li metta in grado di lavorare seriamente. Diciamo al pari dei colleghi del resto d’Europa (i cui stipendi vanno dai 2/3 a 1/4 dei nostri, senza contare i paesi dell’Est). E il risparmio sarebbe decisamente maggiore.

Eppure…

Annunci

Uno scoop “sul” Carlino?

27 maggio 2009

 

Caro Grasselli, ho letto con molto piacere il tuo post sull’interessamento del Carlino alle vicende di Bazzano. Ma, soprattutto, ho apprezzato il fatto che tu mi abbia citato. Da anni, oramai, non mi occupo più di cronaca locale. Per la verità, con qualche rimpianto. Ma sai com’è… Il mio mestiere di giornalista mi ha portato altrove, proprio a raccontare quelle “belle storie” di cui hai accennato nell’articolo. Comunque, molto presto potrebbero esserci belle novità… Chissà. E Bazzano, così come gli altri paesi della nostra vallata, potrebbe tornare sugli altari della cronaca. Un caro saluto

Luca Borghi

(Annoto che nei giorni scorsi, in risposta al post sopra citato, ho ricevuto anche un gradito messaggio privato da Gabriele Mignardi.)


La buona politica

25 maggio 2009
Debora Serracchiani assaggia la crescenta di Garagnani al mercato di Bazzano, sabato 16 maggio.

Debora Serracchiani assaggia la crescenta di Garagnani al mercato di Bazzano, sabato 16 maggio. (Foto di Bruno Mainieri)


La Madonna a Magazzino

22 maggio 2009

 

Se Bazzano è paese di confine, la borgata di Magazzino lo è molto di più. Il confine tra Bologna e Modena taglia questo agglomerato di case in piena “bassa” in due parti disuguali. Dei circa 500 abitanti, meno di 100 abitanti di Magazzino appartengono al comune di Bazzano, mentre tutti gli altri costituiscono una delle frazioni di Savignano: che, curiosamente, si chiama Magazzeno.
Anche questa divergenza toponomastica rende l’idea di una certa incomunicabilità tra i due comuni nel gestire questa porzione così periferica, anzi marginale, di territorio – per Savignano, l’unica borgata fuori dal tracciato della Vignolese; per Bazzano, l’unico agglomerato esterno di un paese notoriamente accentrato e “senza frazioni”.

Questo rende ancora più significativa la scelta della parrocchia di Bazzano che, quest’anno, ha inserito per la prima volta Magazzino nel percorso delle Rogazioni, le tradizionali processioni con la statua della Madonna della Sabbionara per le vie del paese.
Una scelta che nasce probabilmente dall’invenzione dei “cortili” – piccoli gruppi di vicinato promossi, dall’anno scorso, dalla parrocchia per favorire la comunione e l’apertura a livello locale, e che sicuramente stimolano una maggiore consapevolezza da parte degli abitanti delle singole zone del paese.
Ma che probabilmente nasce anche dalle problematiche del tutto particolari di cui Magazzino si trova al centro in quest’ultimo periodo: quelle connesse alle cave, esistenti e in progetto, del territorio modenese, più volte evocate, ieri – anche se mai nominate -, da don Franco nell’omelia. E sulle quali la popolazione, anche bazzanese, di Magazzino – vero avamposto tra i territori escavati e da escavare – sta riscoprendo la necessità di farsi sentire.

Senza entrare nel merito della questione, la parrocchia di Bazzano ha voluto far sentire, in un momento significativo, la propria presenza in questo luogo, benedicendo e affidando all’intercessione della Madonna le gioie e le preoccupazioni dei suoi abitanti. Un segno di vicinanza e di attenzione: di quelli di cui dovremmo essere capaci tutti quanti, non solo in campagna elettorale.


TUTTI I CANDIDATI DI BAZZANO

16 maggio 2009

ALLEANZA PER BAZZANO
Candidato sindaco: Enzo Girotti
Candidati consiglieri:
Roberta Barbieri, Mark Giuseppe Brega, Maria Laura Fioravanti, Ferdinando Fiore, Roberto Gardi, Valeria Ghedini, Salvatore Giuliano, Luciana Marani, Guido Masini, Massimo Mattioli, Valentina Montanari, Alessandro Paioli, Stefania Pesle, Annalisa Ragazzi, Valeria Ravaldi, Marica Zini

CIVICAMENTE BAZZANO
Candidato sindaco: Simone Rimondi
Candidati consiglieri:
Riccardo Sandri, Marilena Guagliumi, Bruno Brunetti, Silvia Bianchi, Fabio Lambertini, Leda Diano Rossi, Stefano Della Casa, Micaela Fabbri, Davide Bochicchio, Angela Rossi, Matteo Sassi, Giovanni Battista Parente, Giampaolo Vezzali, Massimo Tuffanelli, Stefano Massari, Paolo Mattioli

DEMOCRATICI INSIEME
Candidato sindaco: Elio Rigillo
Candidati consiglieri:
Flavio Corti, Monia Masini, Fabrizio Bassetto, Cecilia Pancotti, Fabio Biagini, Mirella Ricci, Marco Bosi, Paola Vandelli, Antonio Degli Esposti, Giovanna Venturi, Giovanni Di Costanzo, Fulvio Montanari, Corrado Paroni, Moreno Pedretti, Simone Ruggeri, Maurizio Zannoni

NUOVA BAZZANO
Candidato sindaco: Luigi Gandolfi
Candidati consiglieri:
Ezio Predieri, Roberto Biagini, Laura Calderara in Gambini, Claudia Cappon in De Pietri, Roberto Cristoni, Andrea Degli Esposti, Stefania Dotti, Marco Gilioli, Greta Mattarozzi in Torluccio, Stefano Mignani, Matteo Minelli, Renato  Murotti, Mirko Piazzi, Giampiero Pinna, Saverio Stagni, Fausto Valerio

SINISTRA PER BAZZANO
Candidato sindaco: Nino Tebaldi
Candidati consiglieri: Annamaria Menzani, Arrigo Vignali, Elisabetta Vignali, Walter Manzini, Giuseppe Zanetti, Giancarlo Cavazzoni, Angela Fiandaca, Patrizia Stagni, Paolo Venturi, Pierluigi Tarozzi, Maria Piegaia detta Marialuisa, Angelo Piegaia, Marco Buganè, Yuri Zanetti, Claudia Cavazzoni

(Le liste sono elencate in ordine alfabetico. I nomi dei candidati sono desunti dagli opuscoli a cura delle rispettive liste, nell’ordine ivi dato.)


Sabato mattina Debora Serracchiani a Bazzano

14 maggio 2009

Debora Serracchiani è la giovane e battagliera segretaria del PD di Udine che, dopo il suo intervento dirompente all’assemblea dei circoli PD, si è rapidamente imposta all’attenzione non solo dei media, ma anche di tante persone – non necessariamente del PD! – alla ricerca di buona politica.
Fino a essere scelta tra i candidati alle elezioni europee di giugno.

Debora non è una velina, non è una burocrate di partito (lei fa l’avvocato), non è un pollo di batteria: è una politica che ha sempre lavorato seriamente sul territorio, in un contesto pieno di sfide come quello friulano. Senza paura di dichiarare la sua militanza in un partito, né di criticarne i leader quando le è parso che dovesse essere fatto.
Per molti che l’hanno sentita parlare è la nuova speranza del PD, una donna che finalmente sa dire le cose come stanno, un simbolo di un rinnovamento vero, dello sforzo per creare un partito, e un Paese, come vorremmo che fosse.

Voi potrete conoscere Debora di persona sabato, al mercato di Bazzano, al banchetto del PD in piazza Garibaldi, dalle 9.45 alle 10.45.

(Sì, questo è un avviso elettorale.)


Breaking news: Importante operazione di polizia a Bazzano in via Carducci

12 maggio 2009

Un’importante operazione di polizia si è conclusa da pochi minuti in via Carducci, a Bazzano.
Da quanto siamo riusciti a ricostruire, hanno partecipato all’operazione due auto dei carabinieri (di cui una senza contrassegni) e due dei vigili urbani, che hanno attraversato la piazza di Bazzano a sirene spiegate verso le 19.35. Sembra che l’azione sia stata rapidissima e organizzata in anticipo con grande precisione. Non sembra casuale che proprio nella parte di via Carducci immediatamente successiva alla piazza fosse stata vietata la sosta dalle 11 alle 20 di oggi: le forze dell’ordine si sarebbero dirette infatti proprio nel cosiddetto “Cascapelo”, la viuzza laterale dietro il palazzo della “Repubblica”, dopo aver interdetto al traffico via Carducci.

AGGIORNAMENTO: L’azione di ieri ha portato all’arresto di 6 persone e al sequestro di una notevole quantità di droga.
L’azione, scattata alle 19.30 è stata preparata meticolosamente – come già ieri avevamo affermato – nel pomeriggio, anche con l’allestimento di una vera e propria centrale operativa all’interno del palazzo municipale di Bazzano.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: