Primo Maggio, su coraggio: una proposta per i bambini (e non solo)


Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente articolo di Alice Dyczkowski, giovane mamma bazzanese. Una proposta concreta e un’occasione per ragionare sulle politiche per l’infanzia a Bazzano.

Dite nei commenti quello che pensate (n.b.: potete rispondere anche se non siete candidati sindaci…).

Sicuramente a Bazzano non c’è una ludoteca, manca un luogo fisico all’aperto o al chiuso seriamente attrezzato per rispondere all’esigenza di gioco, socializzazione ed esplorazione dei nostri piccoli futuri bazzanesi: neanche la biblioteca – che io sappia – ha sperimentato forme di coinvolgimento ludico alla lettura.
Dove andare se hai un bambino dagli 0 ai 3 anni per passare il pomeriggio o la mattinata facendo qualcosa di educativo, rilassante o divertente?
Non a Bazzano: io in questi 3 anni e mezzo da mamma con mia figlia ho trovato alcuni posti in cui avevo un’alternativa ai cartoni animati lobotomizzanti o alle eterne passeggiate sotto il sole col passeggino..e andavamo: o a Bimbopoli (ludoteca-asilo-Arci di Savignano, struttura ben attrezzata e che ha un suo costo d’ingresso non proprio indifferente…), oppure in biblioteca a Crespellano dove i materiali (libri e dvd) e anche il loro allestimento sono stimolanti e ben pensati, o anche al bellissimo parco di monteveglio (che però ha un po’ di problemi per i servizi igienici), altrimenti (tempo permettendo) in piscina a Vignola o Savigno, ma anche a Bologna in Sala Borsa (bello scomodo…), oppure a Zola Predosa dove c’è una ludoteca niente male, e così via. Ma posso garantire che a Bazzano che io sappia non c’è nulla di tutto questo, solo la mediateca ha uno spazio per poterti almeno noleggiare un cartone.

Insomma, sulle politiche per l’infanzia a Bazzano ci sarebbe davvero un sacco da fare. Ci sono libri in cui vengono raccontate iniziative di enorme valore educativo e ludico, che anche se gestite da piccoli comuni hanno risonanza nazionale: progetti e luoghi che farebbero girare la testa a qualsiasi ragazzino, che rispondono all’esigenza di relazione, di creatività, di gioco, di esplorazione e di interazione che i nostri figli desiderano tanto. Noi non vogliamo puntare troppo in alto: è bello auspicare un futuro più a misura di bambino, in un progetto organico di servizi e iniziative, di centri di aggregazione e scambio, di attrezzature, laboratori, urbanistica ecc. (e non solo iniziative parrocchiali e campi estivi che colmano le lacune lasciate da una scuola che sta chiusa 3 mesi all’anno). Insomma di una politica per l’infanzia unitaria, di stampo pedagogico, priva di spontaneismo e frammentarietà, convinta che non bisogna lasciare che i bambini si incontrino solo a scuola o in luoghi a tassametro.

Ma ciò che io propongo è molto più terra terra,  e anche abbastanza facile da realizzare:  Riappropriamo i nostri bazzanesini del parco I Maggio!Sistemiamolo, e regaliamoglielo! Ai bimbi, alle mamme, alle nonne (e ai papà e ai nonni, perché no?)! Eliminiamo le zanzare (io, le poche volte che ci sono andata, in mezz’ora ho rimediato almeno una mezza dozzina di pizzichi). Mettiamoci dei giochi a norma (vi prego di andare a vedere come sono messi quelli attuali). Troviamo una soluzione ai servizi igienici (se necessario metteteceli a pagamento, ma basta che siano fruibili). Per mantenere un po’ l’ordine assoldiamo uno di quei “signori civici” o “guardiani civili” (come si chiamano quei vecchietti che prestano gentilmente volontario servizio alla società?). Poi – ciliegina sulla torta per far felici tutti – diamo il bar in gestione a qualcuno, così facciamo merenda o colazione, ecc.
Queste secondo me sarebbero i miglioramenti necessari per creare un posto delizioso e riparato dal traffico, oltre che centralissimo e accessibile anche agli anziani (senza cani però…), che risponde ai bisogni infantili di esplorazione, socializzazione e svago immezzo al verde; e che credo farebbero piacere anche agli organizzatori del cinema estivo. Sicuramente i bambini ne hanno bisogno, e anche la fama dei servizi offerti dal Comune ne avrebbe vantaggi.

E poi, potrebbe essere un inizio… Non voglio farmi troppi viaggi mentali ma un paese veramente a misura di bambino, un paese attivo, sicuro, impegnato e che si faccia carico di dar voce ai bimbi sarebbe davvero una figata… ma intanto: ridateci il parco I Maggio!

Aggiornamento: Ho corretto il nome di Alice… con cui mi scuso😦

23 risposte a Primo Maggio, su coraggio: una proposta per i bambini (e non solo)

  1. Giacomo scrive:

    Lettera molto bella e condivisibile in ogni aspetto… le proposte concrete sul Parco I Maggio sono fenomenali!!!
    Bravissima, Alice! (io ci sono stato a scuola insieme)

    Naturalmente ci diranno che bisogna aspettare le elezioni, che un sindaco a fine mandato non può pensarci, e poi il nuovo sindaco avrà prima problemi più importanti… DICIAMO FORSE FINE 2010?

  2. lucagrasselli scrive:

    Questo tuo commento è la nuova politica, Giacomo?😉

  3. Giacomo scrive:

    A parte il fatto che mi sembra brutto deviare l’importante discorso lanciato da Alice… ma se preferisci la chiamo col suo nome senza metafore: REALTA’.

    Torniamo al paese a misura di bimbo…

  4. alice scrive:

    giacomo ti ringrazio..davvero lusingata..credo che risistemare il parchetto sia realmente fattibile e doveroso..tra marciapiedi e cartelloni sembra che il nostro comune nn sappia veramente come spendere i nostri soldi..investirli su un parchetto a me sembra un semplice e sano suggerimento..tutto qua!
    ti ringrazio ancora x il supporto e i complimenti..
    un grazie anche al mitttico grasselli..
    a presto regaz…nn è finita qua!

  5. lucagrasselli scrive:

    “Mitttico”… mi sento molto Kung Fu Panda…

    Alice, sei sempre la benvenuta: come tutti e tantopiù se porti proposte e argomenti di discussione interessanti e concreti come questi!

  6. alice scrive:

    p.s. complimentoni giacomo x la tua plurima carriera di zio!!attendiamo pure giacomini e grassellini…forza e coraggio..nn è poi così difficile in fin dei conti..!

  7. lucagrasselli scrive:

    Be’… quanto a diventare papà ci organizzeremo… ma intanto il 6 giugno di botto divento quattro volte zio!🙂

  8. alice scrive:

    gli zii (soprattutto maschi) sono i migliori!l’emblema dell’evasione (alla maya basta menzionare lo zio che va in fibrillazione!)…

    scusa luca,nn so se sia il caso d precisarlo..il mio cognome s scrive…dyczkowski..ma a me va bene anche dycszowski,è creativo e…simile!bacioni e evviva il 6 giugno (san Norberto..!)

  9. lucagrasselli scrive:

    Ho corretto! Scusa… che vergogna😦

  10. Xandré scrive:

    Non mancano le idee e i luoghi.

    In amministrazione comunale mancano delle persone nuove. Con capacità di farsi carico almeno un poco del “sentire” e delle proposte della gente che vive a Bazzano.

    Non credo che il parco sia messo così male ma sicuramente è sotto utilizzato.

    Per essere utilizzato deve essere “occupato” dai cittadini. Propongo di promuovere un comitato per organizzare eventi all’interno dello stesso. E di tenerlo pulito e presidiato. In quanto l’amministrazione comunale non lo fa … per ora ? Fino a quando ? A quale assessorato appartiene questo compito ? Basta inserirlo in un “programma” ?

    Non me la sento di puntare il dito contro l’amministrazione passata che lo ha in parte migliorato (reso a norma).

    In conclusione siamo noi cittadini che dobbiamo riprendere i nostri spazi e viverli assieme!

    Non avere paura delle persone che vengono a Bazzano immigrati da altri comuni, regioni o Paesi. Ricordiamoci che i padroni di casa SIAMO NOI !

  11. alice scrive:

    xandrè..nn so chi sei..o forse si,solo che nn ti riesco ad identificare ora..vabbè..sono d’accordo,riappropriamocene!!!nn che m diano fastidio gli immigrati che loro lo abitano..ma onestamente il parchetto è attualmente nelle condizioni di ospitare un’utenza tale a quella che lo frequenta..
    insomma..perchè dovrei portarci le mie bimbe??i giochi sono tutti arruginiti e rotti (pericolosi..),i bagni sono chiusi,le zanzare sono davvero esagerate,ci sono solo bottiglie d birra rotte e un ran puzzone d piscio..
    io al max ci porto il cane nn le mie bimbe a giocarci sull’erba..
    credimi,vorrei riappropriarmene,ma nn vorrei farlo x puntiglio,ma x piacere..poi concordo che rimetterlo a posto sia solo il primo passo..
    le iniziative posso sbocciare..io ne avrei a palate da proporre,ma nn corriamo troppo..se tutto il problema ruota attorno all’edificazione d un comitato,edifichiamolo..cioè posso provare a farmene carico,nn so come s fa,ma posso provarci se è necessario a migliorare la vita e gli spazi x i nostri bimbi qua a bazzacity..
    un bacione xandrè!

  12. Gocce scrive:

    Penso che con lettere come quelle di Alice si avviino percorsi virtuosi nel paese. I cittadini fanno proposte, ragionevoli, positive; non si preoccupano di essere a favore di qualcuno o contro qualcuno. Manifestano i loro problemi e lanciano delle proposte di soluzione. Alle amministrazioni comunali spetta ascoltarle e, dopo averle vagliate, accoglierle. Non amo quelle amministrazioni che si fanno i loro programmi, di destra di sinistra di centro, e vanno avanti a relizzarli (o a non realizzarli) senza prestare orecchio. Il percorso virtuoso è quello dell’amministratore che si sforza di fare quello che il cittadino ragionevolmente gli chiede, non per sé solo ma per tutta la comunità, su problemi importanti come quelli dei bambini!

  13. Simone scrive:

    Non voglio fare propoaganda elettorale (magari solo un poco via…) ma cio’ che scrive Alice, che personalmente condivido, sta scritto anche nel nostro programma dove espressamente citiamo il parco I Maggio ed altre piccole aree da rendere parchetti per le persone (non solo giovani mamme ma anche ragazzi, anziani ecc..)

    Lo trovate nel capitolo SPORT e TEMPO LIBERO del nostro Programma (proposta di programma, in quanto e’ modificabile) scaricabile dal sito http://www.civicamentebazzano.com nella sezione Download.

    Basta pubblicità e grazie Luca🙂

  14. lucagrasselli scrive:

    Bello l’intervento di Gocce.

    Sottolineo in particolare: “I cittadini fanno proposte ragionevoli, positive; non si preoccupano di essere a favore di qualcuno o contro qualcuno”.

    Troppe volte invece sovrapponiamo ai fatti i nostri pregiudizi: per esempio preoccupandoci di un intervento critico, o al contrario strumentalizzandolo, come se la vera questione non fossero i problemi dei cittadini ma, soltanto, essere “pro” o “contro” quella determinata amministrazione.
    Troppe volte i problemi vengono minimizzati o ingigantiti a seconda del colore di chi comanda: un atteggiamento terribilmente poco serio, di sfiducia nell’intelligenza dei cittadini.
    E su questo anche in Emilia Romagna e nell’anno 2009, nessuno può scagliare la prima pietra,

  15. lucagrasselli scrive:

    [Mi scuso con Simone: penso per via della presenza di un link, il suo commento era stato classificato dal sistema informatico come “spam” e quindi non pubblicato finché non l’ho sbloccato manualmente io, pochi minuti fa.]

  16. Xandré scrive:

    Credo che non basti un programma …
    Si può avere i più bei spazi verdi della zona ma se non sono frequentati poi rimangono “cattedrali nel deserto”.
    Se non ci sono persone incaricate della gestione e della manutenzione di queste aree … ritorna tutto come è iniziato.

    Bisogna dare seguito alle buone intenzioni.

    Olé

  17. alice scrive:

    ringrazio goccia..faccio i miei sentiti auguri a simone dopo aver guardato il link e approvo ciò che afferma xandrè..i luighi vanno vissiti.l’idea del comitato trapelata dallo scorso suo intervento in materia mi alletta.condivido appieno l’idea che una struttura x quanto possa essere ben attrezzata se nn è utilizzata è inutile.logico che le iniziative di solito ruotano attorno a un gruppo di volontari o di tirocinanti o d dipendenti comunali ..lì sta al comune e alla gente vedere quanto sia importante personalmente responsabilizzarsi e impegnarsi in un percorso di sperimentazione ,investimento e cooperazione.io c sono .
    sia x formare un comitato, sia x promuovere l’iniziativa fra la gente,sia x esprimere opinioni,sia x coprogettare spazi e iniziative x i bambini, sia nel fare anche solo semplice volantinaggio..insomma..sono inesperta,il settore “politica ecc..”nella mia vita è sempre stato qualcosa di intimo,ma forse ora sono pronta..accetto anzi vi chiedo consigli operativi ed eventuali adesioni a questa causa..da sola oltre a scrivere su questo fantastico blog nn so che fare…
    bellaaa

  18. lucagrasselli scrive:

    “Fantastico blog”? Ah, qui il mio ego rischia un’aumento di ipertrofia…😉

  19. alice scrive:

    luca..come si fa un comitato??!!!!è questa secondo te la strada migliore?dovrei forse scrivere a rigillo al comune o chessò?o forse è meglio lasciar perdere tanto nn se cava un ragno dal..?consigliami finchè sei ancora tra noi provincialotti..!!!!

  20. Xandré scrive:

    Già … le cose non nascono da se …
    come questo blog … sembrava morto ma è ritornato in vita! Perduto ma poi ritrovato: il “blog prodigo”.

    Basta un post e non è più ghost!

    Attenzione: qui ci sono validi contributi!

    Una “fabbrica delle idee”.

    Ma poi le idee devono avere delle gambe!

    Chioso Gocce quando dice: “Non amo quelle amministrazioni che si fanno i loro programmi, di destra di sinistra di centro, e vanno avanti a relizzarli (o a non realizzarli) senza prestare orecchio.”

    Una amministrazione saggia (spero la prossima a venire) dovrebbe avere orecchie, occhi e mani “grandi” verso i cittadini. Tutto inizia dal dialogo e il passaparola positivo.

    Olé

  21. Simone scrive:

    Credo che un programma sia molto utile invece, xandrè, per darsi delle linee guida per chi si propone di amministrare con progetti quinquennali. Un programma deve mantenere comunque ampi spazi per poter, nel corso dei 5 anni, essere modificato ed implementato grazie al costante contributo dei cittadini (quartieri o comitati ecc..).
    Gestire al meglio spazi come quello del I Maggio credo sia fattibile. Pensate se un gruppo molto attivo e vivace come gli amici dello SPI-CGIL potessero gestire il barettino del parco ed unitamente la manutenzione ordinaria di questo…
    La mia e’ una proposta che vorremmo discutere con lo SPI e magari anche con neonati comitati di cittadini che si prepongono per gestire assieme all’amministrazione gli spazi pubblici.

    Un’amministrazione attenta penso che possa riuscire in questo.

  22. lucagrasselli scrive:

    Non ho capito se Alice pensa a un comitato per sostenere pubblicamente la sua bella proposta, o proprio a un gruppo per gestire il parco.

    Ragionando a braccio, un gruppo che:
    – si accollasse la gestione del bar (previa messa a norma per consentire un’attività decorosa);
    – creasse in tal modo un “presidio” dell’area nelle ore di apertura;
    – magari si prendesse la responsabilità degli interventi minuti di manutenzione (e di segnalare quando servono interventi maggiori),
    potrebbe creare qualcosa di molto efficace.
    Meglio un gruppo “autogestito” o un’associazione già esistente? Se ne può parlare…

  23. alice scrive:

    bhè io potrei eventualmente anche pensare di creare un gruppo in grado d gestire sia il bar che attività e laboratori attivi x chi desidera parteciparvi..forse è un sopravvalutarsi xò.. e credo che x ora sarebbe meglio insistere intanto sull’effettiva messa a norma del parco secondo un progetto che tenga conto sia delle richieste dei genitori ma soprattutto che sia veramente a misura di bambino..poi se il gruppo ,comitato associazione che eventualmente si verrà a creare intorno all’iniziativa sarà compatto e attivo s può anche pensare di fare una vera e propria “istituzione” con iniziative proposte e un certo margine d autonomia..
    sai,x me è un campo del tutto nuovo..nn so come si procede..
    posso intanto chiedere ingiro ai genitori se eventualmente possono con me prendersi a carico l’iniziativa,fare volantini ecc..nn ho le idee chiare..d’altronde nn ho la minima idea di come funzioni questo campo “pubblico-politico”..insomma..
    tu che faresti??sempre che sia il caso a tuo parere d fare qualcosa..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: